Giugno 17, 2024

CSK: KIAI … MA NON SOLO !!!

di Cristiano Magri Mag7,2024

Nel cuore pulsante del dojo di Karate Shotokan della nostra società sportiva, si svolge una storia di solidarietà e di crescita collettiva che merita di essere raccontata. Qui, giovani karateka non solo affinano le loro tecniche e la loro disciplina, ma tessono anche le trame di un sostegno reciproco che va oltre i confini del tatami. Tra questi praticanti, alcuni ragazzi si distinguono per il loro spirito meritevole; sono coloro che, con dedizione e sensibilità, si fanno carico di sostenere i compagni e, in alcuni casi, i fratelli o sorelle che incontrano ostacoli sul loro cammino. Questi ostacoli possono essere difficoltà fisiche o disabilità, barriere che potrebbero sembrare insormontabili se affrontate da soli. Tuttavia, all’interno di queste mura imbevute di sudore e di passione, la parola “impossibile” perde di significato. I ragazzi più esperti diventano mentori, amici e compagni di viaggio, promuovendo un ambiente in cui tutti possono progredire. Con pazienza e incoraggiamento, essi dimostrano che il Karate Shotokan è più di una semplice arte marziale; è una metafora vivente di come dovrebbero svilupparsi le relazioni umane. Le lezioni di Karate diventano così lezioni di vita, dove il rispetto, l’aiuto reciproco e la comprensione sono valori che si manifestano in ogni kata e in ogni kumite. Questi giovani karateka non solo imparano a difendersi o a colpire, ma imparano soprattutto a tendere la mano, a rialzare chi cade e a celebrare ogni piccolo successo come un trionfo comune. Il dojo CSK diventa un modello, un microcosmo di quella società ideale in cui le differenze non dividono, ma arricchiscono; dove le difficoltà sono occasioni per stringersi e crescere insieme. È la dimostrazione che, anche al di fuori delle attività sportive, le relazioni possono e devono svilupparsi seguendo questi principi di armonia e inclusione. In conclusione, la storia del dojo CSK è un inno all’unità, un esempio tangibile di come lo sport possa essere un veicolo di valori profondi e universali. È un promemoria che, anche nel contesto competitivo del Karate Shotokan, l’essenza più pura si trova nella capacità di essere, prima di tutto, esseri umani solidali.

Daniele Maviglia

Related Post

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Enter Captcha Here : *

Reload Image

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.